header-banner-image

Consulenza Diagnosi Energetica

D.Lgs. 102/14 e UNI CEI EN 16247

Azienda e Consulenza Integrata Realizzano la Diagnosi Enrgetica 

in accordo con il D.Lgs. 102/14 e la norma UNI CEI EN 16247

- Acquisizione, analisi ed elaborazione dei dati energetici aziendali;
- Esecuzione di diagnosi energetica ai sensi dell'art. 8 D. Lgs. 102/2014;
- Assistenza alla trasmissione dei risultati della diagnosi all'ENEA.
L'audit da eseguire dovrà rispondere ai criteri minimi previsti dalla normativa come di seguito riportati:
• Deve basarsi su dati operativi relativi al consumo di energia aggiornati, misurati e tracciabili e, per l'energia elettrica, sui profili di carico;
• Deve comprendere un esame dettagliato del profilo di consumo energetico di edifici o di gruppi di edifici, attività o impianti industriali, ivi compreso il trasporto;
• Deve basarsi sull'analisi del costo del ciclo di vita in sostituzione dei semplici periodi di ammortamento al fine di tenere conto dei risparmi a lungo termine, dei valori residuali degli investimenti a lungo termine e dei tassi di sconto;
• Deve essere proporzionato e rappresentativo per consentire di tracciare un quadro fedele della prestazione energetica globale e di individuare in modo affidabile le opportunità di miglioramento più significative.
Le attività minime previste sono:
1. Incontro preliminare con la direzione e sopralluogo generale presso ogni sede (punto 5.1. e 5.2. della UNI 16247)
2. Raccolta dati relativi ai consumi energetici, Energy drivers, fattori di aggiustamento, dati economici rilevanti per ogni vettore energetico (punto 5.3 della UNI 16247)
3. Ispezione approfondita finalizzata alla diagnosi energetica, alla verifica dello stato di manutenzione e conservazione, identificazione di processi e/o tecnologie obsolete (punto 5.4 UNI 16247)
4. Analisi dei dati (punto 5.5 UNI 16247) per :
a)la ricostruzione dei consumi effettivi di elettricità e combustibile e dei flussi energetici
b)la costruzione degli inventari energetici (modello termico ed elettrico)
c)l'analisi dei profili di consumo per i singoli vettori energetici e per utilizzatore (in caso di disponibilità di dati)
d)il calcolo degli indici con i target di riferimento
e)il confronto delle tecnologie utilizzate con lo standard di mercato
f)l'individuazione delle azioni di miglioramento del'efficienza energetica con analisi di fattibilità tecnico/economica e loro priorità nel caso di azioni che richiedano investimenti
5.Definizione dell'implementazione di un piano di azione e di monitoraggio permanente (punto 5.5 UNI 16247)
6.Redazione di una bozza di rapporto della diagnosi energetica. Revisione del rapporto. Produzione del rapporto finale. Discussione dei risultati con il committente (punto 5.6 della UNI 16247)
Il rapporto finale dovrà contenere i seguenti risultati minimi:
I.inventario energetico elettrico, termico o altro vettore energetico, eventualmente completo dei profili di consumi in caso di disponibilità dei dati (tipicamente elettrici)
II.adeguata descrizione della struttura energetica dei siti esaminati, del loro livello di prestazione e confronto con valori di riferimento per settori equivalenti
III.lista delle raccomandazioni ed opportunità di risparmio energetico con la stima della loro fattibilità tecnico/economica, comprensiva dei benefici energetici attesi riferiti alla configurazione minima di riferimento
IV.l'assicurazione di essere in regola con il D.Lgs.102/14 (obbligo di legge per le strutture previste dal decreto stesso) e le indicazioni MISE per quanto riguarda la qualità e la completezza della DE


Amiamo essere consulenti in prima linea, al fianco degli imprenditori per realizzare, nella loro azienda, le strategie e gli obbiettivi che ci siamo posti insieme.


Questo documento è di proprietà di Consulenza Integrata S.r.l., ogni divulgazione e riproduzione o cessione di contenuti a terzi deve essere autorizzata dalla Consulenza Integrata S.r.l. stessa.