header-banner-image

Consulenza Gestione dei Rifiuti

D. Lgs. 152/06 "Norme in materia ambientale" GESTIONE DEI RIFIUTI ART. 178

D. Lgs. 152/06 "Norme in materia ambientale" GESTIONE DEI RIFIUTI ART. 178
La gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed e' disciplinata dalla parte quarta del presente decreto al fine di assicurare un'elevata protezione dell'ambiente e controlli efficaci, tenendo conto della specificità dei rifiuti pericolosi.
Obiettivo prioritario della legge è la prevenzione/riduzione della produzione di rifiuti attraverso l'utilizzo di tecnologie pulite, di prodotti a basso rischio inquinante e di tecniche appropriate per l'eliminazione di sostanze pericolose contenute nei rifiuti al fine di favorirne il recupero. A ciò si aggiunge l'impegno ad adottare misure volte al recupero dei rifiuti tramite il riciclo, il reimpiego ed il riutilizzo per ottenere materie prime secondarie o nuove fonti di energia.
Secondo il D. Lgs. 152/06 per una corretta attività di gestione dei rifiuti l'azienda deve provvedere a:
Compilare il Formulario di identificazione del Rifiuto (FIR) con le modalità previste dal D.M. n° 145 del 01.04. 1998, ogni qual volta vengono trasportati con mezzi aziendali i rifiuti destinati al deposito aziendale o alla discarica;
Registrare le operazione di carico associate ai rifiuti generati sull'apposito Registro di Carico e scarico, con le modalità previste dal D.M n°148 del 01.04.1998, in caso di rifiuti destinati al deposito temporaneo;
Predisporre presso la sede operativa un area destinata al Deposito temporaneo, raccogliendo i rifiuti speciali in appositi contenitori identificati con il codice CER (Catalogo Europeo dei Rifiuti) di riferimento;
Verificare periodicamente lo stato di riempimento dei contenitori predisposti assicurandosi che i quantitativi prodotti non siano mai superiori ai criteri volumetrici e temporali del deposito temporaneo;
Se si decide di avvalersi di un fornitore per lo smaltimento, assicurarsi che quest'ultimo sia qualificato per il servizio di ritiro e smaltimento dei rifiuti speciali prodotti e provvisto di autorizzazione allo smaltimento degli stessi;
Iscriversi all'Albo nazionale gestori ambientali presso il Ministero dell'ambiente e tutela del territorio in caso di attività di raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi prodotti da terzi, di raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi, di bonifica dei siti, di bonifica dei beni contenenti amianto, di commercio ed intermediazione dei rifiuti senza detenzione dei rifiuti stessi, nonché di gestione di impianti di smaltimento e di recupero di titolarità di terzi e di gestione di impianti mobili di smaltimento e di recupero di rifiuti.


Corso di Formazione sulla Gestione dei Rifiuti



DESCRIZIONE DELLA CONSULENZA OFFERTA per
Gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) in relazione alla vigente disciplina: D.Lgs. n° 49 del 14.03.2014 e quanto in vigore dei precedenti D.Lgs. 151/2005 e D.M. 185/2007; D.lgs. 152/06 parte IV art. 227.
1) Verifica della conformità legislativa
Verifica della conformità legislativa inerente all'applicazione della disciplina della gestione dei rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE), in relazione alla vigente disciplina: D.Lgs. n° 49 del 14.03.2014 e quanto rimasto in vigore dei precedenti D.Lgs. 151/2005 e D.M. 185/2007; D.Lgs. 152/06 parte IV, art. 227. La verifica si articolerà nei seguenti momenti:
- Sopralluogo su un sito significativo, che rivende la gamma completa delle apparecchiature elettriche ed elettroniche incluse negli Allegati I, II, III, IV del D.Lgs.42/2014) per prendere evidenze sulla gestione fisica dei RAEE
- Intervista al personale presente in sito per raccogliere evidenze delle attuali procedure, formalizzate e non, per la gestione dei RAEE
- Controllo della documentazione presente presso la sede aziendale, inerente gli obblighi da assolvere ai sensi della succitata legislazione
- Redazione di un rapporto relativo ai risultati della verifica, con indicazione della aree di Non conformità legislativa e dei relativi percorsi per la loro soluzione
2) Redazione della procedura per la gestione dei RAEE
Verrà redatta la procedura standardizzata per la gestione dei RAEE per un sito-tipo, in collaborazione con vs referente operativo, da diffondere successivamente a Vs cura in tutti i siti.

GAZZETTA UFFICIALE
Serie Generale n. 157 del 7-7-2016
MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE
DECRETO 31 maggio 2016, n. 121
Regolamento recante modalita' semplificate per lo svolgimento delle attivita' di ritiro gratuito da parte dei distributori di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) di piccolissime dimensioni, nonche' requisiti tecnici per lo svolgimento del deposito preliminare alla raccolta presso i distributori e per il trasporto, ai sensi dell'articolo 11, commi 3 e 4, del decreto legislativo 14 marzo 2014, n. 49. (16G00131).
Dal 22 luglio l'obbligo di ritiro gratuito senza obbligo di acquisto, scatta per i negozi di elettrodomestici con superficie di vendita al dettaglio di almeno 400 metri quadrati.


Amiamo essere consulenti in prima linea, al fianco degli imprenditori per realizzare, nella loro azienda, le strategie e gli obbiettivi che ci siamo posti insieme.


Questo documento è di proprietà di Consulenza Integrata S.r.l., ogni divulgazione e riproduzione o cessione di contenuti a terzi deve essere autorizzata dalla Consulenza Integrata S.r.l. stessa.