header-banner-image

Consulenza Prevenzione Incendi CPI Certificato Prevenzione Incendi

Prevenzione e Lotta Antincendio - Autorizzazione Antincendio CPI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO
Un'emergenza dovuta ad incendio è spesso conseguente al verificarsi di eventi improvvisi, talvolta difficilmente prevedibili e tali da mettere in condizione di potenziale o reale pericolo una o più persone od uno o più beni.
Lo scopo della  valutazione è di definire i pericoli dovuti al rischio incendio per prevenirli e fronteggiarli, al fine di evitare e/o ridurre i danni a persone e/o impianti.
E' statisticamente provato che le misure di sicurezza di tipo strutturale ed impiantistico consentono di ridurre in modo consistente il rischio di incendio e la probabilità che l'incendio causi danni a persone e cose. Tali misure non riescono, però, ad azzerare del tutto il rischio di incendio, perciò occorre tenere d'occhio i fattori che più comunemente creano le probabilità che si sviluppi un incendio, tali probabilità dipendono dal comportamento di tutti i giorni e le nuove normative affidano pertanto al titolare dell'unità produttiva la diretta responsabilità della gestione della sicurezza.
Gli scopi a cui mira la valutazione sono, pertanto:

  • la predisposizione e l'adozione dei provvedimenti necessari alla prevenzione del rischio incendio;
  • la Formazione ed Addestramento della Squadra Antincendio ed Evacuazione;
  • la informazione dei lavoratori e delle altre persone presenti;
  • la pianificazione di misure tecnico organizzative,
  • l'obbligo verso le persone alle quali è distribuito a prenderne visione e ad attenersi scrupolosamente alle disposizioni impartite nella presente sezione (vedi: Misure da attuare), e sia nella sez. Piano di emergenza;
  • l'identificazione della necessità eventuale della pratica antincendio C.P.I. Certificato Prevenzione Incendi.

Consulenza per la Pratica SCIA antincendio e Certificato Prevenzione Incendi CPI

L'attività consiste nella verifica di adeguatezza alle vigenti norme in materia di prevenzione incendi, e nella presentazione al Comando VVF competente della documentazione necessaria all'ottenimento dell'Autorizzazione Antincendio, (SCIA  Antincendio).

A. PRIMA FASE: PRESENTAZIONE PROGETTO

  • Sopralluogo del sito e verifica documentale con raccolta dati e documentazione
  • Redazione della Relazione Tecnica di prevenzione incendi
  • Elaborati grafici (le planimetrie dovranno essere fornite dalla committenza in formato autocad
  • Presentazione del Progetto al Comando
  • Rapporti con il Comando VVF
  • Approvazione del Progetto e consegna

Si procederà alla verifica di congruità delle certificazioni ed allegati tecnici relativi a tutte le certificazioni prodotte dalle ditte installatrici e costruttrici (certificazioni di resistenza al fuoco delle strutture, porte e materiali di compartimentazione, certificazioni di corretta installazione dei suddetti materiali, certificazione di conformità degli impianti).
Si specifica che in assenza o in caso di non completezza delle elencate certificazioni, non si potrà procedere all'inoltro della SCIA (II Fase).
B. SECONDA FASE: PERIZIA ASSEVERATA, PRESENTAZIONE SCIA, SOPRALLUOGO V.V.F.

  • Perizia Asseverata a firma di Tecnico abilitato
  • Inoltro della richiesta della S.C.I.A. al Comando dei V.V.F.
  • Rapporti con il Comando VVF ed assistenza
  • Presenza del Tecnico al sopralluogo dei V.V.F.

In conformità a quanto previsto dal D.P.R. 151 del 2011 la documentazione tecnica progettuale allegata alla SCIA , si atterrà alle caratteristiche di sicurezza antincendio dell'attività e consentirà di accertare la loro rispondenza ai criteri generali di prevenzione incendi.
In seguito all'approvazione del progetto, ed all'esecuzione delle eventuali opere previste dal progetto stesso o prescritte dal Comando VVF, si procederà all'inoltro della richiesta di sopralluogo e della Dichiarazione di Inizio Attività (sostitutiva del Certificato Prevenzione Incendi C.P.I. fino al rilascio dello stesso).

DPR 1° Agosto 2011 , n. 151 Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, con Elenco attività soggette alle visite e ai controlli di prevenzione incendi.

D.M. 20 Dicembre 2012 Regola tecnica di prevenzione incendi per gli impianti di protezione attiva contro l'incendio installati nelle attivita' soggette ai controlli di prevenzione incendi.

D.M. 3 Agosto 2015 Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi.

D.M. 12 Maggio 2016 Prescrizioni per l'attuazione, con scadenze differenziate, delle vigenti normative in materia di prevenzione degli incendi per l'edilizia scolastica.

DECRETO LEGISLATIVO 25 Novembre 2016, n. 222 Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio di attivita' (SCIA).

D.M. 21 Febbraio 2017 Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attivita' di autorimessa.

D.M. 7 agosto 2017 del Ministero dell'Interno "Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività scolastiche, ai sensi dell'art. 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139".

Testi coordinati di prevenzione incendi


Avere una Società di Consulenza di supporto rappresenta per l'azienda la possibilità di raggiungere e mantenere la conformità legislativa e di essere affiancata in qualsiasi tipo di ispezione e controllo da professionisti in grado di rispondere efficacemente e reperire la documentazione richiesta.

Consulenza Integrata è sinonimo di integrazione con le Aziende Clienti ritenute Partners

Questo documento è di proprietà di Consulenza Integrata S.r.l., ogni divulgazione e riproduzione o cessione di contenuti a terzi deve essere autorizzata dalla Consulenza Integrata S.r.l. stessa.

ALLEGATI
Norme tecniche di prevenzione incendi
Scarica l'allegato
D.M. 9 aprile 1994 (Regola tecnica di prevenzione incendi per la costruzione e l'esercizio delle attività ricettive turistico – alberghiere)
Scarica l'allegato