header-banner-image

Consulenza Ambientale ISO 14001

Con i vantaggi di protezione dell'ambiente, rispetto e monitoraggio della normativa ambientale, riduzione dei costi, risparmio delle risorse.

UNI EN ISO 14001:2015
Sistemi di gestione ambientale - Requisiti e guida per l'uso

I vantaggi dell'adozione di un Sistema di Gestione Ambientale secondo la norma  14001 sono: protezione dell'ambiente, rispetto e monitoraggio della normativa ambientale, riduzione dei costi, risparmio delle risorse, miglioramento dell'immagine aziendale nei confronti del proprio mercato di riferimento.

Il  raggiungimento di  un  equilibrio  tra  ambiente,  società  ed  economia  è  considerato essenziale  per  soddisfare  le  esigenze  del presente  senza compromettere  la  capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie.
Lo sviluppo sostenibile come obiettivo si raggiunge mediante l'equilibrio dei tre pilastri della sostenibilità. Le prospettive della società a favore dello sviluppo sostenibile, trasparenza e affidabilità si sono  evolute  a  seguito  di  una  legislazione  sempre  più  rigida,  di  crescenti  pressioni sull'ambiente  da  parte  dell'inquinamento, dell'uso  inefficiente  delle  risorse,  gestione impropria  dei rifiuti,  del cambiamento  climatico,  del  degrado  degli  ecosistemi  e  della perdita della biodiversità.
Ciò  ha portato  le  organizzazioni ad  adottare  un  approccio  sistematico  alla  gestione ambientale mediante l'attuazione di sistemi di gestione ambientale con lo scopo di dare il proprio contributo al pilastro ambientale della sostenibilità.

Il supporto offerto da ConsulenzaIntegrata comprende anche tutti gli aspetti ambientali che riguardano la normativa attinente alla realtà aziendale, compresa la gestione rifiuti.

Consulenza nella realizzazione, adozione, attuazione ed implementazione del Sistema di Gestione per l'Ambiente (SGA) in conformità alla norma UNI EN ISO 14001.

UNI EN ISO 14001-Sistemi di Gestione Ambientale-Requisiti e Guida per l'uso.

Con le novità: Definizione del Contesto gestione del Rischio e comunicazione esterna.-       Verifica del Contesto dell’Organizzazione e della Gestione dei Rischi;

-       Verifica del Contesto dell’Organizzazione e della Gestione dei Rischi;

-       verifica delle attività, dei processi, dei ruoli e delle funzioni;

-       costituzione del gruppo di lavoro aziendale e definizione di piano lavori da seguire di concerto tra Consulenza Integrata S.r.l. ed i vertici aziendali;

-       identificazione dello Scopo e Campo di applicazione del SGA;

-       determinazione dei confini e applicabilità del sistema di gestione e definizione del campo di applicazione;

-       valutazione documentata del rispetto delle normative vigenti;

-       definizione della struttura e delle responsabilità;

-       elaborazione della politica aziendale e prima individuazione di obiettivi e relativi indicatori;

-       definizione dei controlli operativi appropriati e atti ad assicurare l’esecuzione dei processi e delle attività impattanti sull’ambiente nel rispetto dei requisiti di legge e delle buone prassi, al fine di minimizzare gli impatto e ridurre il rischio di emergenze o impatti indesiderati;

-       supporto nella scelta dell’Organismo di Certificazione (OdC);

Redazione delle Informazioni documentate, che riguarderanno:

-       procedure gestionali del SGA;

-       modulistica correlata;

-       documento di valutazione dei rischi sulla base del risk-based thinking per individuare rischi ed opportunità e attività e documentazione necessaria da produrre per ridurre i rischi stessi.

-       manuale del SGA (se necessario).

Per favorire l’adozione e l’attuazione del sistema, durante lo svolgimento della Consulenza sopra descritta verrà svolta action learning, training on the job e coaching specifica per la Direzione Aziendale e per i Responsabili di Funzione Aziendale, inerenti le loro mansioni in seno ai:

·      processi aziendali

·      obiettivi e loro gestione.

Attuazione ed Implementazione

Supporto all’applicazione dei documenti del Sistema di Gestione Ambientale, formazione in campo del personale per il miglioramento della documentazione del Sistema e dei processi nell’ottica del raggiungimento dell’efficienza degli stessi.

Formazione

Preparazione dei Responsabili di Sistema e del personale aziendale è prevista on the job durante le attività di consulenza.

Corso di formazione

Il Corso è rivolto alla Direzione, al Responsabile del Sistema di Gestione per l’Ambiente, ai responsabili di processi o di funzione; ha un taglio operativo e tratta anche alcuni casi di misurazione di processi e attività della propria realtà aziendale.

Preparazione del personale aziendale alla Verifica Ispettiva di Certificazione.

Il Corso è comprensivo di materiale di supporto, test di verifica dell’apprendimento, questionario valutazione azioni formative, certificazione di avvenuta formazione con relativo registro presenze.

Audit Interno e Riesame della Direzione

Al termine dell’Audit Interno di conformità e di efficacia del SGA, le attività svolte saranno:

-       Presentazione delle prescrizioni e dei risultati emersi;

-       Apertura delle Azioni Correttive e Preventive necessarie sulla base degli esiti dell’Audit

-       Effettuazione del Riesame della Direzione

L'alta direzione deve, a intervalli pianificati, riesaminare il sistema di gestione ambientale dell'organizzazione, per assicurarne la continua idoneità, adeguatezza ed efficacia.

Il riesame di direzione deve includere considerazioni su:

a)   lo stato delle azioni derivanti dai precedenti riesami di direzione;

b)   i cambiamenti:

1)   nei fattori esterni e interni che sono rilevanti per il sistema di gestione;

2)   nelle esigenze e aspettative delle parti interessate, comprendenti obblighi di conformità;

3)   nei rispettivi aspetti ambientali significativi;

4)   nei rischi e nelle opportunità;

c)   il grado di realizzazione degli obiettivi ambientali;

d)   le informazioni sulla prestazione ambientale dell'organizzazione, compresi gli andamenti relativi:

1)   alle non conformità e alle azioni correttive;

2)   ai risultati del monitoraggio e della misurazione;

3)   al soddisfacimento dei propri obblighi di conformità;

4)   ai risultati di audit;

e)   l'adeguatezza delle risorse;

f)   le comunicazioni pertinenti provenienti dalle parti interessate, compresi i reclami;

g)   le opportunità per il miglioramento continuo.

Gli output del riesame di direzione devono comprendere:

- conclusioni sulla continua idoneità, adeguatezza ed efficacia del sistema di gestione ambientale;

- decisioni relative alle opportunità di miglioramento continuo;

- decisioni relative a ogni necessità di modifiche al sistema di gestione ambientale, comprese le risorse;

- azioni, se necessarie, qualora gli obiettivi ambientali non siano stati raggiunti;

-opportunità di migliorare l'integrazione del sistema di gestione ambientale con altri processi aziendali, se necessario;

- tutte le implicazioni per la direzione strategica dell'organizzazione;

- l'organizzazione deve conservare informazioni documentate quale evidenza dei risultati dei riesami di direzione;

- Adeguamento, ove necessario, del SGA.

Assistenza durante Audit Ente di Certificazione

Assistenza, in qualità di osservatore, nel corso degli Audit, Documentale e di Sorveglianza, da parte dell'Ente Certificatore e relativi chiarimenti sulla base di quanto emerso dall’Audit Interno.

Risultato previsto: Certificazione secondo la norma UNI EN ISO 14001.

MANTENIMENTO IMPLEMENTAZIONE DEL SGA

Ad avvenuta Certificazione:

×        Eventuale Revisione Documentale

×        Audit per verificare lo stato di conformità aziendale al Sistema di Gestione

×        Riesame del Sistema

×        Eventuale Revisione Documentale

×        Assistenza, in qualità di osservatore, nel corso dell’Audit, dell'Ente Certificatore Facoltativo


La norma  ISO 14001 specifica i requisiti di un sistema di gestione ambientale che un'organizzazione può utilizzare per sviluppare le proprie prestazioni ambientali. La norma è destinata ad un'organizzazione che desidera gestire le proprie responsabilità ambientali in un modo sistematico che contribuisce al pilastro ambientale della sostenibilità. La norma aiuta un'organizzazione a raggiungere gli esiti attesi dal proprio sistema di gestione ambientale, che forniscono valore aggiunto per l'ambiente, per l'organizzazione stessa e per le parti interessate. Coerentemente con la politica ambientale dell'organizzazione, gli esiti attesi di un sistema di gestione ambientale comprendono:

  • il raggiungimento delle prestazioni ambientali;
  • l'adempimento degli obblighi di conformità;
  • il raggiungimento degli obiettivi ambientali.

La norma è applicabile a qualsiasi organizzazione, indipendentemente da dimensione, tipo e natura e si applica agli aspetti ambientali delle sue attività, dei prodotti e servizi che l'organizzazione determina di poter controllare o influenzare, considerando una prospettiva del ciclo di vita. La norma non stabilisce alcun criterio specifico di prestazione ambientale. La norma può essere utilizzata, in tutto o in parte, per migliorare in modo sistematico la gestione ambientale. Le dichiarazioni di conformità alla presente norma, tuttavia, non sono accettabili a meno che tutti i requisiti della norma non siano incorporati in un sistema di gestione ambientale dell'organizzazione e soddisfatti senza esclusione.


Catalogo incentivi EMAS, Ecolabel e UNI EN ISO14001


VEDI

Efficienza Energetica

DECRETO 1 febbraio 2018
Modalita' semplificate relative agli adempimenti per l'esercizio delle attivita' di raccolta e trasporto dei rifiuti non pericolosi di metalli ferrosi e non ferrosi.


UNI EN ISO 14002-1:2020

Sistemi di gestione ambientale - Linee guida per l'utilizzo della ISO 14001 per affrontare gli aspetti e le condizioni ambientali all'interno di un'area tematica ambientale - Parte 1: Generalità
Data disponibilità: 04 giugno 2024

La norma fornisce linee guida generali per le organizzazioni che cercano di gestire sistematicamente gli aspetti ambientali o di rispondere agli effetti del cambiamento delle condizioni ambientali all'interno di una o più aree tematiche ambientali, sulla base della ISO 14001. La norma costituisce anche un quadro per elementi comuni delle parti successive della serie ISO 14002.

UNI EN ISO 14002-2:2023
Sistemi di gestione ambientale - Linee guida per l'utilizzo della ISO 14001 per affrontare gli aspetti e le condizioni ambientali all'interno di un'area tematica ambientale - Parte 2: Acqua

La norma fornisce linee guida generali per le organizzazioni che cercano di affrontare gli aspetti ambientali legati all'acqua, gli impatti ambientali, le condizioni ambientali e i rischi e le opportunità associati all'interno di un sistema di gestione ambientale in conformità con ISO 14001. La norma affronta le questioni per la gestione ambientale relative alla quantità e alla qualità dell'acqua, come il prelievo di acqua, l'uso efficiente dell'acqua e lo scarico dell'acqua, nonché gli approcci per far fronte a eventi legati all'acqua come inondazioni e siccità. Il documento considera le interconnessioni dell'acqua con altri mezzi ambientali e adotta un approccio olistico alla gestione dell'acqua a causa dei suoi impatti sugli ecosistemi, sui servizi ecosistemici, sulla biodiversità correlata, nonché sulla vita umana e sul benessere. La norma è applicabile alle organizzazioni indipendentemente dalla loro dimensione, tipologia, risorse finanziarie, ubicazione e settore. È applicabile a tutti i tipi di acqua e considera una prospettiva del ciclo di vita.

UNI EN ISO 14004:2016
Sistemi di gestione ambientale - Linee guida generali per l'implementazione

La presente norma fornisce delle linee guida per stabilire, attuare, mantenere attivo e migliorare un sistema di gestione ambientale che possa essere integrato nel processo principale di attività. Le linee guida della presente norma sono applicabili a qualunque organizzazione indipendentemente dalle sue dimensioni, dalla tipologia, dalla localizzazione o dal livello di maturità. Le linee guida della presente norma sono coerenti con il modello del sistema di gestione ambientale della UNI EN ISO 14001, ma non intendono fornire interpretazioni ai requisiti della UNI EN ISO 14001.

UNI/PdR 107:2021

Ambiente Protetto - Linee guida per la prevenzione dei danni all'ambiente - Criteri tecnici per un'efficace gestione dei rischi ambientali.

La prassi di riferimento definisce le linee guida per un'efficace prevenzione dei danni all'ambiente e per la tutela delle risorse naturali relativamente a specifici scenari di rischio applicabili alle diverse organizzazioni, oltre che per la relativa mitigazione. Gli scenari di danno all'ambiente rientranti nel campo di applicazione del presente documento sono: - effetti diretti e indiretti legati a incendio causati dai fumi, dalle ricadute al suolo di sostanze chimiche e polveri, dallo scarico di acque di spegnimento e anche dalle fiamme; - perdite da serbatoi e vasche interrate e fuori terra che possono verificarsi in fase di installazione, di esercizio, di attività di carico e scarico e anche di disinstallazione; - perdite da condutture di adduzione e reflui industriali (interrate e fuori terra) che possono verificarsi in fase di installazione, di esercizio e anche di disinstallazione; - sversamenti da aree di processo, di deposito, di movimentazione o di carico e scarico di prodotti e/o di rifiuti; - emissioni fuori norma, localizzate e/o diffuse; - perdite da depuratori e/o disoleatori aziendali. Il documento si rivolge a tutte le tipologie di organizzazioni che svolgono la propria attività in un sito, quali impianti produttivi, depositi, magazzini, centri logistici, cantieri edili etc. a prescindere dal settore industriale.


FOCUS

Sviluppo Sostenibile

Economia Circolare Gestione Ambientale

UNI/TS 11820:2022
Misurazione della circolarità - Metodi ed indicatori per la misurazione dei processi circolari nelle organizzazioni.

La specifica tecnica definisce un set di indicatori applicati a livello meso e micro, atti a valutare, attraverso un sistema di rating, il livello di circolarità di una organizzazione o gruppo di organizzazioni. Il sistema di rating non prevede livelli minimi di circolarità, ma fornisce una valutazione sul livello raggiunto.

UNI/TR 11821:2023
Raccolta ed analisi di buone pratiche di economia circolare.

Il rapporto tecnico contiene un'analisi di buone pratiche di economia circolare di organizzazioni italiane. Le buone pratiche sono suddivise in macro-aree di applicazioni di economia circolare sulle quali sono state analizzate le performance e gli impatti delle organizzazioni selezionate (ad esempio: prodotto come servizio, estensione ciclo di vita del prodotto, utilizzo dei sottoprodotti). Il documento tratta anche dei miglioramenti quantitativi e qualitativi attesi e della replicabilità.


Richiedi informazioni
Richiedi offerta

Amiamo essere consulenti in prima linea, al fianco degli imprenditori per realizzare, nella loro azienda, le strategie e gli obbiettivi che ci siamo posti insieme.

Questo documento è di proprietà di Consulenza Integrata S.r.l., ogni divulgazione e riproduzione o cessione di contenuti a terzi deve essere autorizzata dalla Consulenza Integrata S.r.l. stessa.